Categories: News

by Franco Cioffi

Share

Categories: News

by Franco Cioffi

Share

reddito di cittadinanza

Reddito di cittadinanza in discussione e critiche ai giovani

E’ un periodo di grandi discussioni sulle distorsioni del mercato del lavoro a seguito di alcune misure di sostegno economico alle famiglie come, ad esempio, il reddito di cittadinanza.

Strumento pensato per fornire sostegno temporaneo a nuclei familiari in difficoltà economiche che si è trasformato nel tempo in assistenzialismo diffuso.

 

Critiche superficiali ai reddito di cittadinanza e ai giovani

Motivare però la scarsa adesione ad offerte di lavoro soprattutto da parte dei giovani come unica conseguenza del reddito di cittadinanza mi sembra una lettura parziale, superficiale ed anche offensiva verso i giovani stessi.

E’ una questione molto più complessa che necessiterebbe approfondimenti non solo economici ma, anche, sociologici e psicologici.

 

Un eccessivo ribasso dei salari

Per quanto mi riguarda pongo l’accento sull’eccessivo ribasso dei salari (soprattutto quelli d’ingresso al mondo del lavoro) che disincentivano fortemente a lavorare soprattutto quando ci troviamo in presenza di misure di sostegno al reddito “altamente competitive” con i salari stessi.

Non solo.

Gli stipendi bassi riducono sia la capacità di acquisto delle persone che i prezzi di mercato.

Quindi non possiamo imputare “le colpe” al reddito di cittadinaza.

 

I margini di guadagno delle imprese

I prezzi bassi di mercato a loro volta riducono i margini di guadagno degli imprenditori che non riescono a sostenere livelli reddituali regolari generando diseconomie e, in molti casi, anche forme di lavoro nero.

Una spirale senza fine che, abbinata alla diffusa incapacità di saper fare impresa, ci spiega perché ci ritroviamo a vivere (soprattutto al sud) un’economia povera e di sussistenza.

 

Il Temporary Management per l’efficientamento delle aziende

Ma come rompere questa micidiale sequenza?

Puntando sull’efficientamento dei modelli organizzativi aziendali mediante il temporary management.

Massimizzare il profitto delle imprese ottimizzando le risorse date significherebbe di fatto aumentare i margini operativi che andrebbero a sostenere politiche retributive più adeguate.

Stipendi più alti migliorerebbero la capacità di spesa media delle persone rafforzando i prezzi al consumo e i margini operativi delle aziende.

Il reddito di cittadinanza, in questo modo non sarebbe l’alternativa migliore per tanti giovani e non solo.

 

Related Posts

View all
  • Il temporary management per lo sviluppo aziendale   Un’altra possibile modalità d’intervento in caso di crisi o sviluppo aziendale è il temporary management. Il temporary management è uno strumento strategico operativo da utilizzare in particolari momenti della vita aziendale e per specifiche esigenze progettuali come ad esempio: la necessità di procedere ad una riorganizzazione o a […]

    Continue reading
  • In che consiste la direzione generale   La direzione generale è tra le possibili modalità d’intervento che adotto al fine di un processo riorganizzativo. Non è l’unica soluzione. Oltre alla direzione generale le altre modalità sono: il temporary management, la consulenza aziendale e la formazione. Nello scorso articolo ho spiegato in cosa differiscono tra loro.  Con […]

    Continue reading
  •   Come riorganizzare un’azienda Consulenza, management e formazione per riorganizzare un’azienda. Come riorganizzare un’azienda? Quando entro in contatto con gli imprenditori soprattutto la prima volta capita spesso che mi fanno la stessa domanda: quali sono le possibili modalità d’intervento al fine di un processo riorganizzativo aziendale e in che cosa differiscono tra di loro? Con questo […]

    Continue reading
  • Perché hai bisogno di una consulenza aziendale? Spesso gli imprenditori non sanno di aver bisogno di una consulenza aziendale. La consulenza aziendale di un professionista consente all’imprenditore di dotarsi di tecniche, strategie e organizzazione per il raggiungimento degli obiettivi desiderati. Non basta pensare al margine e al fatturato per battere la concorrenza. Nella maggior parte […]

    Continue reading