Categories: News

by Franco Cioffi

Share

Categories: News

by Franco Cioffi

Share

Estate 2022. Vacanze in Italia.

I dati diffusi dall’Osservatorio vacanze del Touring Club Italia per l’Estate 2022

L’Osservatorio Vacanze del Touring Club italiano, da 10 anni si occupa di analizzare le abitudini di viaggi degli italiani per l’Estate 2022.

Tre giorni fa si è chiuso il sondaggio su un campione di 300 mila persone per cogliere le tendenze dei vacanzieri italiani nel 2022.

 

Una ritrovata libertà

Le riaperture ormai generalizzate, il vaccino, il venir meno dell’obbligo del green pass e l’uso limitato determinati ambienti e situazioni della mascherina, ha consentito agli italiani di sentirsi più liberi di muoversi.

Ciò, a mio avviso, non deve significare però abbassare la guardia. Da giorni si parla, infatti, di variante portoghese BA.5.

Dall’inchiesta del Touring Club emerge che nell’estate 2022 la vacanza in crociera, parchi divertimento, partecipare a sagre, feste ed eventi destano ancora qualche preoccupazione.

 

Pronti a partire per le Vacanze 2022

Il 79% del campione inchiestato dal Touring Club manifesta la propria intenzione al viaggio per l’estate 2022, nonostante i rincari.

Nell’estate 2022 l’Italia è ancora la destinazione preferita (73%). Ma ripartono anche i viaggi in Europa (23%).

Se prima della pandemia, molti italiani preferivano le vacanze all’estero in estate, il nuovo trend ormai dal 2020 è ormai la vacanza in Italia.

Il 73% del campione intervistato dal Touring Club sceglierà il Bel Paese.

Guardando all’Italia, la regione preferita dalla community Touring è il Trentino-Alto Adige, seguita da Sardegna, Toscana e Puglia. Rispetto all’estate 2021, la Sardegna sale nelle preferenze delle persone riposizionandosi quasi ai livelli pre-pandemia.

 

Le mete più gettonate in Italia per l’estate 2022

 

Anche la nota piattaforma di prenotazioni di alloggi Airbnb ha raccolto dei dati interessanti.

Secondo l’indagine di Airbnb, nella Top 10 delle destinazioni estive di tendenza a livello globale troviamo: Villasimius (Sardegna) in terza posizione, San Vito Lo Capo (Sicilia) in sesta e San Teodoro (Sardegna) al decimo posto.

Secondo Spiagge.it, invece il primo posto delle spiagge prescelte in Italia tocca alla Puglia, per il secondo anno.

A seguire: Campania, Marche, Emilia–Romagna, Friuli–Venezia Giulia e Calabria.

Ma la destinazione preferita per le vacanze lunghe (30 giorni) è il Friuli-Venezia Giulia. A seguire poi Emilia-Romagna (10 giorni), Marche e Puglia (9 giorni). Invece in Campania e in Liguria i servizi di spiaggia vengono prenotati in media rispettivamente per 1 e 4 giorni.

 

Un’economia in forte ripresa

Il turismo si presenta ancora una volta come il volano dell’economia in Italia. Ma sono grandi le preoccupazioni sul reperimento delle risorse umane. Grande criticità, espressa anche da Federlablerghi.

 

La crisi pandemica sembra aver allontanato gli operatori del turismo dirottandoli su altri settori e altre fonti di reddito.

Ma anche il costo dei contratti per le imprese del settore sembra essere problematico.

Sul tema della difficoltà di ingaggio di risorse umane, molte sono le critiche mosse al reddito di cittadinanza, parimenti quelle al salario minimo.

Per questo argomento vi invito a leggere il mio recente articolo.

 

 

Necessità di formazione

In qualità di docente di Scuola d’Impresa Diffusa, di formatore e temporary manager non posso fare a meno di esprimere l’importanza di non perdere di vista il tema della professionalità.

Spesso, in momenti di ripresa, si palesa la necessità di assumere personale. Non bisogna mai trascurare la formazione.

Per quanto mi riguarda, la formazione è fondamentale per garantire sostenibilità e buoni standard qualitativi di un’azienda.

Soprattutto, in un tempo in cui il passaparola è online, la soddisfazione del cliente diventa “pubblica”. Altrettanto pubblica è la reputazione di un’attività. Ciò significa che un’estate con incassi di successo per un’azienda turistica, che però riceve recensioni negative, non è garanzia di una sostenibilità duratura nel tempo.

 

La soluzione?

L’efficientamento dei modelli organizzativi aziendali.

Non mi resta che augurarvi una buona estate.

Related Posts

View all
  • Le sei missioni del PNRR Il Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza (PNRR) prevede un pacchetto di investimenti e riforme. Le risorse stanziate sono pari a 191,5 miliardi di euro, ripartite in sei missioni: Digitalizzazione, innovazione, competitività e cultura – 40,32 miliardi Rivoluzione verde e transizione ecologica – 59,47 miliardi Infrastrutture per una mobilità sostenibile […]

    Continue reading
  • Festival dell’Economia, un festival dell’innovazione   Si è tenuto a Trento dal 2 al 5 giugno il Festival dell’Economia. Un festival di rilevanza nazionale ad alta tecnologia, con ben 66 eventi trasmessi in streaming. Protagonisti i giovani, con due contest loro dedicati. Altri contest invece per piccole e medie imprese e autori.   I Contest […]

    Continue reading
  • Reddito di cittadinanza in discussione e critiche ai giovani E’ un periodo di grandi discussioni sulle distorsioni del mercato del lavoro a seguito di alcune misure di sostegno economico alle famiglie come, ad esempio, il reddito di cittadinanza. Strumento pensato per fornire sostegno temporaneo a nuclei familiari in difficoltà economiche che si è trasformato nel […]

    Continue reading
  • Campi flegrei. tra possibilità’ di sviluppo e mancanza di strategia. I Campi Flegrei sono un classico esempio di quello che un territorio potrebbe e dovrebbe rappresentare ma che invece non è. Una bellezza struggente fatta di mare, laghi, isole, vulcani, oasi naturali, archeologia. Ed ancora, di strutture ricettive, terme, pesca, agricoltura, ristorazione, cantieristica ecc. Uno […]

    Continue reading